Varese, Le primarie di Santa Lucia incoronano Galimberti candidato sindaco

www.varesereport.it del 13 dicembre 2015

Sconosciuto ( 14 dicembre 2015 )

"Davide Galimberti ha vinto le primarie del centrosinistra a Varese: con i suoi 890 consensi raccolti in città il giovane avvocato varesino sarà il candidato che correrà, contro il centrodestra, per la poltrona più alta di Palazzo Estense...."

Varese, Le primarie di Santa Lucia incoronano Galimberti candidato sindaco

Davide Galimberti ha vinto le primarie del centrosinistra a Varese: con i suoi 890 consensi raccolti in città il giovane avvocato varesino sarà il candidato che correrà, contro il centrodestra, per la poltrona più alta di Palazzo Estense. Una vittoria a cui molti non credevano, considerando la popolarità e la lunga esperienza del suo principale competitor, l’onorevole Daniele Marantelli, che invece si è fermato a quota 858.

Gli altri due candidati hanno avuto esiti diversi: un risultato intermedio, quello del civico Daniele Zanzi, che ha conquistato in città 574 voti, mentre Dino De Simone arriva in coda con 363 voti.

Il risultato delle primarie di Santa Lucia, tuttavia, è apparso inferiore alle aspettative di molti: sono stati 2706 i varesini che si sono recati ad uno dei sei seggi aperti in città.

Grande festa in viale Monte Rosa, alla sede provinciale Pd, per la vittoria di Galimberti: supporter, collaboratori, amici, sono arrivati attorno alle 10.30, quando ormai era chiara la vittoria dell’avvocato. Tanti applausi e anche un brindisi con spumante hanno celebrato il risultato. Dopo avere festeggiato e abbracciato i sostenitori, Galimberti, affiancato dal segretario cittadino del Pd, Luca Paris, e dal segretario provinciale, Samuele Astuti, ha parlato con i giornalisti.

“Ringrazio i numerosi elettori che hanno partecipato alle primarie – ha detto Galimberti -, quasi tremila, un risultato che si avvicina a primarie nazionali”. “In particolare ringrazio chi mi è stato più vicino in queste settimane, tutti coloro che hanno saputo interpretare la richiesta di cambiamento e di novità salita dalla città”. Un particolare ringraziamento agli altri tre candidati, soprattutto a Marantelli: “Altri, nella sua posizione, non avrebbero accettato di mettersi in gioco”.

Ora per Galimberti l’obiettivo è quello di vincere le prossime elezioni. “Presenterò un programma in grado di far rinascere Varese, mettendo al centro il fare, la concretezza, lasciando da parte la demagogia. I varesini vogliono voltare pagina”. Poi Galimberti ha chiarito la sua intenzione di allargare la coalizione Pd-Varese 2.0: “Voglio allargarla a tutti i soggetti che vogliono il cambiamento in città. E per questo costruirò una lista civica che parta dal basso. Credo di avere vinto perchè ho saputo cogliere la voglia di rinnovamento radicale, e dunque nella lista civica voglio gente radicata, che arriva dai rioni, dalle associazioni, non persone blasonate”.

Confermata l’intenzione, se eletto sindaco, di votare una variante generale al Pgt targato centrodestra. E, a chi gli chiedeva perchè avesse vinto, la risposta di Galimberti è stata tranciante: “poche parole, molta concretezza”.



Materiale: