Varese, Il ministro Maria Elena Boschi visita la mostra di Bob Wilson a Villa Panza

www.varesereport.it del 13 novembre 2016

Sconosciuto ( 13 novembre 2016 )

Il Ministro Boschi presente a Varese per un incontro organizzato dal pd sul referendum, ha prima fatto una visita privata a villa Panza, gioiello di arte moderna

Varese, Il ministro Maria Elena Boschi visita la mostra di Bob Wilson a Villa Panza

La presenza del ministro Maria Elena Boschi a Varese non poteva escludere la cultura. E infatti ieri pomeriggio, attorno alle 16.30, la Boschi è giunta a Villa Panza, il bene Fai di Biumo Superiore. Ad attenderla il sindaco Davide Galimberti e una folta delegazione della sua giunta, oltre naturalmente alla direttrice di Villa Panza, Anna Bernardini, e al vicepresidente del Fai, Marco Magnifico.

Prima di presentarsi al Teatro Santuccio per sostenere il sì al referendum costituzionale, il ministro ha visitato la bella mostra dedicata a Bob Wilson “Tales”, mentre continuavano tranquillamente le visite dei tanti fans di Villa Panza, varesini e non. Con la guida della Bernardini, Maria Elena Boschi si è soffermata davanti al video portraits dell’artista americano, ma non solo: la Boschi si è mostrata attenta anche alle varie opere della Collezione permanente di Giuseppe Panza, una vera “chicca” della nostra città. “Pensate, la miglior collezione di autori americani è qui, e non a casa nostra”, aveva esclamato Bob Wilson giunto a Varese.

Ma non è mancato anche un veloce giro al primo piano di Villa Panza, per vedere le principali opere dedicate alla luce, e alle Scuderie, dove la Boschi si è fermata a lungo davanti alle immagini di Wim Wenders dedicate alle Torri Gemelle. “Sì davvero un luogo incantevole – ha detto il ministro a proposito di Villa Panza -, e in particolare mi hanno molto colpito le opere dedicate alla luce”.

Purtroppo il tempo è stato davvero tiranno: “Ma tornerò a vedere con calma anche altre bellezze di Varese…”. Be’, Varese non è proprio Firenze: “Sì, ma il sindaco Galimberti sta lavorando tanto e i risultati si vedranno”. L’appuntamento è alla prossima volta, magari con il Sacro Monte.


Materiale: